Aspettando la Festa del Racconto 2019 | Etica e legalità

Descrizione evento:

Se etica e legalità non camminano assieme?

È questo l’interrogativo  cui proverà a rispondere l’ex magistrato.

La corruzione è una piaga che infetta gran parte della vita sociale e politica del nostro paese, in misura non solo eticamente inaccettabile, ma anche economicamente insostenibile.

Prendendo le mosse da questi presupposti drammatici (che troppo spesso consideriamo immutabili e ai quali sembriamo quasi assuefatti) Gherardo Colombo si confronta e riflette sul senso ultimo del nostro vivere in comunità. Con la consapevolezza che la democrazia – seppur imperfetta, esigente e fragile – possa rappresentare un ambiente favorevole alla diffusione della corruzione resta irrinunciabile. Di più: per quanti ancora credono nell’onestà, nella correttezza e nei principi della nostra Costituzione, è necessario che  assumano un ruolo consapevole e attivo e non si accontenti di delegare chi lo rappresenta.

Data: Maggio 11, 2019

Orario: 19:00

Comune: Carpi

Luogo: Sala dei Mori di Palazzo dei Pio

Tipologia evento: Incontro con l'autore

Pierluigi Senatore, giornalista di Radio Bruno 

Torna indietro

Ospiti presenti

Gherardo Colombo

Gherardo Colombo, magistrato attualmente fuori servizio, è noto per aver condotto, o contribuito a condurre, inchieste importanti sul crimine organizzato, la corruzione, il terrorismo e la mafia, tra cui la scoperta della Loggia P2 e Mani Pulite. Oggi è vicepresidente della casa editrice Garzanti. Ha pubblicato diversi libri nei quali mette la sua esperienza di magistrato al servizio di una divulgazione attenta e scrupolosa dei concetti di democrazia, giustizia e cittadinanza. Fra i più noti, ricordiamo, Il vizio della memoria (Feltrinelli, 1998), Sulle regole (Feltrinelli, 2008), Sei stato tu? La costituzione attraverso le domande dei bambini (Salani, 2009), Democrazia (Bollati Boringhieri, 2011), Lettera a un figlio su mani pulite (Garzanti, 2015), La tua giustizia non è la mia (Longanesi, 2016, con Piercamillo Davigo) e Il legno storto della giustizia (Garzanti, 2017, con Gustavo Zagrebelsky).  È coautore con Licia di Blasi e Anna Sarfatti di Sono stato io! (Salani, 2016).