Vittoria Facchini

Vittoria Facchini, dopo il liceo artistico, studia a Firenze grafica pubblicitaria ed editoriale. Successivamente a Venezia segue dei corsi di illustrazione con Emanuele Luzzati e da questo incontro nasce la scelta di illustrare senza tradire quella carica di energia dirompente e dissacrante che caratterizza lo stile dei suoi disegni. Nel 2002 rappresenta l’Italia, come illustratrice, al Salone del Libro di Parigi, mentre nel 2006 riceve il premio Andersen come migliore illustratrice dell’anno. Fra le sue opere più recenti ricordiamo: Per filo e per segno, con Mattia Luisa (Donzelli, 2012), Le femmine non mi piacciono perché (Fatatrac, 2013), I maschi non mi piacciono perché (Fatatrac, 2013).

 

Torna indietro

Eventi con la partecipazione dell'ospite

Data: 3 Ottobre, 2015

Città: Carpi

Luogo: Cortile del Ninfeo

Tipo di evento: incontro

 

Quel mostro dell’amore

Descrizione evento:

In collaborazione con Equilibri
L’amore è proprio un mostro e ne combina di tutti i colori. Grandi e piccini, maschi e femmine, uomini e perfino animali: nessuno si salva e s’innamorano tutti! Ma basta imparare a riconoscerne i sintomi e, con forbici e penne e pennelli, lo possiamo catturare e mettere su un foglio, insieme a Vittoria Facchini, che quel mostro dell’amore l’ha scritto e disegnato.

 

Data: 4 Ottobre, 2015

Città: Carpi

Luogo: Cortile del Ninfeo

Tipo di evento: incontro

 

Fili di storie

Descrizione evento:

In collaborazione con Equilibri.
C’è la storia di Silvia, che ama le storie e del terribile Capitano che invece vuole distruggerle; ci sono le storie di mamme pasticcione e divertenti; ci sono storie di maschi e di femmine, e ci sono le storie dell’amore, della sua forza e dei suoi dispetti. Quante storie e quante figure sui pennelli di Vittoria Facchini! Vittoria le prende e le lega col filo del racconto e dei sorrisi dei bambini che disegnano con lei.

 


GnuQuartet

GnuQuartet è un quartetto musicale composto da Raffaele Rebaudengo (viola), Francesca Rapetti (flauto), Roberto Izzo (violino) e Stefano Cabrera (violoncello). Nel 2006 in occasione di una serata speciale dedicata a Fabrizio De Andrè hanno dato vita al progetto GnuQuartet, con cui hanno iniziato a collaborare con diversi artisti. Hanno pubblicato cinque album: GnuQuartet del 2006, primo esperimento di rielaborazione di brani internazionali, Il diverso sei tu, Something Gnu, Muse_ic e Karma.

 

Torna indietro

Eventi con la partecipazione dell'ospite

Data: 2 Ottobre, 2015

Città: Carpi

Luogo: Tenda di Piazza Re Astolfo

Tipo di evento: incontro

 

Alchimia del presente

Descrizione evento:

Inaugurazione e Saluto delle Autorità A seguire, concerto Cecilia Chailly è la più nota arpista italiana, che ha sdoganato l’arpa dall’alveo prettamente classico proponendola come strumento attuale, affascinante ed espressivo, declinabile in contesti diversi e trasversali. Con il suo personalissimo stile, che arriva a contaminazioni blues e pop, Cecilia Chailly ripercorre le mille sfumature timbriche dell’arpa, rendendole moderne, affascinanti e ancora tutte da scoprire. Il suono originale ed eclettico del GnuQuartet, invece, nasce dall’entusiasmo per la musica senza preconcetti, dall’alchimia di gioia e ricerca, dal virtuosismo della musica colta e il coinvolgimento di quella moderna. Tra le più innovative e struggenti formazioni attualmente attive sui palcoscenici italiani, lo GnuQuartet è una delle poche realtà musicali capaci davvero di commuovere e scuotere l’animo dell’ascoltatore a suon di note e meraviglia.

 


Piano solo

Descrizione evento:

Patrizio Fariselli, storico membro del gruppo Area, propone in questo concerto i brani del suo album “Piccolo Atlante delle Costellazioni Estinte – Dodici improvvisazioni per pianoforte e modulatore ad anello”. Il Piccolo Atlante delle Costellazioni Estinte si rivolge al cielo senza alcun desiderio di trascendenza, suggestionato da quelle visioni che per un motivo o per l’altro hanno “fallito”, non omologate dalla storia o rimpiazzate da immagini più efficaci o radicate.

Data: Ottobre 3, 2015

Comune: Carpi

Luogo: Tenda di Piazza Re Astolfo

Tipologia evento: concerto

 

Torna indietro

Ospiti presenti

Patrizio Fariselli

Patrizio Fariselli, dopo avere frequentato il Conservatorio di Pesaro, nei primi anni settanta inizia a suonare con musicisti come Demetrio Stratos, Victor Edouard Busnello, Giulio Capiozzo, Patrick Djivas con i quali formerà il gruppo Area a partire dal 1972, insieme a Paolo Tofani e Ares Tavolazzi che sostituirà Djivas. Fariselli sarà uno dei principali compositori delle musiche del gruppo. Dopo quasi un decennio di successi, all’inizio degli anni ottanta l’avventura degli Area si interrompe e riprende solo nel 1997 quando Fariselli registra con Capiozzo e Paolino Dalla Porta l’album Chernobyl 7991. Oltre all’esperienza con gli Area, Fariselli svolge un’intensa attività come compositore realizzando musiche per il cinema e il teatro fino a fondare nel 2000 una propria etichetta discografica, la Curved Light, per la quale pubblicherà i propri album, fra i quali citiamo: Area-variazioni per pianoforte (2005) e Acqua liquida suite (2007).


Adolescenti in ogni senso. Leggere, scrivere, scegliere, tradurre la letteratura young adults

Descrizione evento:

In collaborazione con Equilibri
La letteratura per giovani adulti è uno dei fenomeni editoriali di questi ultimi anni. Oltre agli scaffali delle librerie e delle biblioteche ha conquistato anche l’attenzione della critica e le grandi vetrine del cinema. Ne parliamo con Beatrice Masini e Alessandro Mari, che nel loro lavoro di scrittori, editor e traduttori l’adolescenza l’hanno scritta, letta, editata e tradotta, raccontandola nel bene e nel male, senza fare sconti.

Data: Ottobre 3, 2015

Comune: Carpi

Luogo: Cortile del Palazzo della Pieve

Tipologia evento: incontro con gli autori

conduce Eros Miari, Equilibri 

Torna indietro

Ospiti presenti

Beatrice Masini

Beatrice Masini è editor, autrice di opere per l’infanzia e traduttrice. Il suo romanzo Bambini nel bosco (Fanucci) è stato selezionato al premio Strega, mentre con Tentativi di botanica degli affetti (Bompiani) ha vinto il premio Selezione Campiello, il premio Alessandro Manzoni e il premio Viadana. La sua ultima raccolta di racconti è Più grande la paura (Marsilio).

Alessandro Mari

Alessandro Mari, narratore e traduttore, esordisce con Troppo umana speranza (Feltrinelli), vincendo il Premio Viareggio-Rèpaci. Pubblica poi Gli alberi hanno il tuo nome (Feltrinelli), L’anonima fine di Radice Quadrata (Bompiani), e il graphic novel Randagi (Rizzoli Lizard). Ha inoltre firmato e condotto programmi di cultura per la televisione.


Antonio Scurati

Antonio Scurati è docente alla Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM di Milano e membro del Centro studi sui linguaggi della guerra e della violenza. Pubblica nel 2003 il saggio Guerra. Narrazioni e culture nella tradizione occidentale (Donzelli, finalista premio Viareggio) e nel 2005 vince il premio Campiello con il romanzo Il sopravvissuto (Bompiani). Nel 2007 realizza per Fandango il documentario La stagione dell’amore un film che indaga sul tema dell’amore nell’Italia contemporanea, riprendendo l’inchiesta realizzata nel 1965 da Pier Paolo Pasolini. Fra le sue ultime opere segnaliamo il romanzo Il padre infedele (Bompiani, 2013) e Il tempo migliore della nostra vita (Bompiani, 2015) dedicato a Leone Ginzburg, premio Viareggio 2015.

 

Torna indietro

Eventi con la partecipazione dell'ospite

Data: 1 Ottobre, 2015

Città: Carpi

Luogo: Piazza della Repubblica

Tipo di evento: incontro

 

Il tempo migliore della nostra vita

Descrizione evento:

Antonio Scurati è uno degli scrittori più attivi nell’ambito culturale italiano. Ha scritto saggi di critica letteraria e si è spesso confrontato con i grandi autori della nostra letteratura. Vincitore e finalista di importanti premi, coniuga alla docenza universitaria l’impegno giornalistico sulle Terze Pagine del Corriere della Sera. Ora propone un romanzo dove, sullo sfondo delle tragedie della Grande Storia, le vicende di Leone Ginzburg e dei nonni dell’autore si incontrano nella difesa delle ragioni della dignità, della fermezza, delle scelte difficili.

 


Cecilia Chailly

Cecilia Chailly è cresciuta in una famiglia di musicisti essendo figlia del compositore Luciano Chailly e sorella di Riccardo, direttore d’orchestra. Giovanissima entra nell’orchestra della Scala di Milano come prima arpa. In seguito collabora con il Piccolo Teatro di Giorgio Strehler intraprendendo un’intensa attività concertistica. Pioniera italiana dell’arpa elettrica realizza con Ludovico Einaudi l’album Stanze. Nel 1997 si aggiudica il premio De Sica con l’album Anima. Nel 1998 pubblica con successo il suo primo romanzo Era dell’amore (Bompiani) con cui vince il premio Elsa Morante Opera prima. Fra i suoi successivi album ricordiamo Alone e Istanti.

 

Torna indietro

Eventi con la partecipazione dell'ospite

Data: 2 Ottobre, 2015

Città: Carpi

Luogo: Tenda di Piazza Re Astolfo

Tipo di evento: incontro

 

Alchimia del presente

Descrizione evento:

Inaugurazione e Saluto delle Autorità A seguire, concerto Cecilia Chailly è la più nota arpista italiana, che ha sdoganato l’arpa dall’alveo prettamente classico proponendola come strumento attuale, affascinante ed espressivo, declinabile in contesti diversi e trasversali. Con il suo personalissimo stile, che arriva a contaminazioni blues e pop, Cecilia Chailly ripercorre le mille sfumature timbriche dell’arpa, rendendole moderne, affascinanti e ancora tutte da scoprire. Il suono originale ed eclettico del GnuQuartet, invece, nasce dall’entusiasmo per la musica senza preconcetti, dall’alchimia di gioia e ricerca, dal virtuosismo della musica colta e il coinvolgimento di quella moderna. Tra le più innovative e struggenti formazioni attualmente attive sui palcoscenici italiani, lo GnuQuartet è una delle poche realtà musicali capaci davvero di commuovere e scuotere l’animo dell’ascoltatore a suon di note e meraviglia.

 


Involucri pericolosi

Descrizione evento:

Lo spettacolo è un insieme di osservazioni e annotazioni sulla vita di persone vittime della quotidianità. Il tutto è raccontato attraverso episodi che vanno dall’infanzia di un bambino lievemente sovrappeso, i primi approcci con i dietologi, la solitudine, il rifugio nella televisione e nella radio, per arrivare al complicato rapporto col telefono, con un ampio stralcio sul mondo delle telecomunicazioni e della tecnologia. All’interno dello spettacolo l’artista smaschera con l’aiuto del pubblico i metodi di persuasione dell’occulto e della lettura della mano. Non manca un breve ma intenso momento comico basato sulle “facce”: le curiose imitazioni, anche inedite, di oggetti, concetti, e astrazioni eseguite per lo più con l’espressione del volto rese note al vasto pubblico del Maurizio Costanzo Show. In quest’ultima fase dello spettacolo il pubblico può/deve partecipare con richieste per esecuzioni di imitazioni “senza rete”.

Data: Ottobre 3, 2015

Comune: Campogalliano

Luogo: Piazza Castello

Tipologia evento: spettacolo comico

 

Torna indietro

Ospiti presenti

Gianni Fantoni

Gianni Fantoni è un attore comico e conduttore di programmi radiofonici e televisivi. Dopo la prima apparizione televisiva nel 1990 come concorrente imitatore di Paolo Villaggio a Stasera mi butto, viene scelto da Antonio Ricci nel 1992 come conduttore di Striscia la notizia in coppia con Claudio Bisio. Sue gag e imitazioni in varie trasmissioni gli guadagnano il favore del pubblico, in particolare nel programma Zelig dal 2010.


Giallo d’autore. La strada per Itaca

Descrizione evento:

Creta. Giugno 1941. Non è trascorso neppure un mese da quando i tedeschi, con la fulminea “Operazione Mercurio”, hanno conquistato quest’isola dalla posizione strategica così importante. Tanto importante da averla resa protagonista di una storia travagliata di occupazioni e il tessuto sociale dell’isola rispecchia le varie genti che vi hanno vissuto; serpeggiano ancora rancori e odi, si parlano o si intendono molte lingue. Martin Bora, l’ormai mitico protagonista della serie di romanzi di Ben Pastor, arriva a Creta da Mosca, dove lavora all’ambasciata, con un incarico per Lavrentij Berija, il temutissimo capo della polizia segreta dell’Unione Sovietica. Un nuovo romanzo storico colto, raffinato e avvincente, con lo stile inconfondibile di questa scrittrice tradotta in tutto il mondo.

Data: Ottobre 3, 2015

Comune: Carpi

Luogo: Cortile di Levante

Tipologia evento: incontro con l’autrice

conduce Elena Guidetti 

Torna indietro

Ospiti presenti

Ben Pastor

Ben Pastor (nome d’arte di Maria Verbena Volpi) è una scrittrice italiana che vive negli Stati Uniti. Dopo avere acquisito la cittadinanza statunitense (senza rinunciare a quella italiana) diventa docente di Scienze sociali presso numerose università e intraprende l’attività di scrittrice privilegiando il genere del giallo storico. Nel 2000 pubblica negli USA Lumen, il primo romanzo poliziesco della serie di Martin Bora, tormentato ufficiale-investigatore tedesco ispirato alla figura di Claus von Stauffenberg, l’attentatore di Hitler nel 1944. Il libro ha un grande successo, viene tradotto in tutto il mondo e dà l’avvio a numerosi altri romanzi con lo stesso protagonista. In seguito l’autrice pubblica altri gialli storici fra i quali citiamo Luna bugiarda (Sellerio, 2013), La strada per Itaca (Sellerio, 2014), I misteri di Praga (Mondadori, 2015).


Elisabetta Cremaschi

Elisabetta Cremaschi è nata a Mirandola e vive a Bologna, dove si è laureata in Scienze Politiche. Ha frequentato il Master di Alta Formazione dell’Accademia Drosselmeier – Centro studi di Letteratura per l’Infanzia di Bologna. Dal 1992 si occupa di narrazione e studio dell’Immaginario, dividendosi tra insegnamento, scrittura e attività giornalistica e dal 2005 è libera docente di Pedagogia delle Narrazioni. È da queste esperienze professionali che ha preso vita il blog Gavroche, luogo di incontro delle parole e figure dell’infanzia condivise con editori, scrittori, illustratori, insegnanti, bibliotecari, lettori, genitori, bambini e ragazzi incontrati nel corso degli anni.

 

Torna indietro

Eventi con la partecipazione dell'ospite

Data: 4 Ottobre, 2015

Città: Carpi

Luogo: Piazza Garibaldi

Tipo di evento: incontro

 

Disegnare una mappa. Come orientarsi nella buona letteratura per l’infanzia | Seconda edizione: Il bambino nell’albo illustrato - Metafore d’infanzia

Descrizione evento:

Nella migliore letteratura per l’infanzia capita di imbattersi in libri che hanno come protagonisti figure così potenti da essere capaci di imprimersi nell’Immaginario di generazioni di lettori. I nomi di Alice, Peter, Pippi, Oliver, Pinocchio, Mary, Jim, Dorothy, Huck… sono tra i più noti, ma non certo gli unici. Sono specchi duplici, queste figure, che riflettono la singolarità dell’essere bambino di ciascun lettore su uno scenario più ampio: l’indicibile essenza dell’infanzia.

 


Franco La Cecla

Franco La Cecla è un antropologo culturale e architetto, attualmente docente di Antropologia culturale presso l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano e presso il Politecnico di Barcellona. Partendo da una minuziosa osservazione del quotidiano e delle evidenze materiali che lo compongono ha approfondito il tema dell’impatto sociale dell’architettura indagando i modelli di organizzazione dello spazio e le dinamiche interattive che essi generano. Ha studiato dal punto di vista antropologico i fenomeni legati al viaggio e all’industria turistica, le relazioni amorose e di coppia, le forme dell’etica nei rapporti sociali. Tra la sua produzione saggistica molto ampia citiamo fra i libri più recenti: Contro l’urbanistica. La cultura delle città (Einaudi, 2015), Surrogati di presenza. Media e vita quotidiana (Bébert, 2015).

 

Torna indietro

Eventi con la partecipazione dell'ospite

Data: 3 Ottobre, 2015

Città: Carpi

Luogo: Cortiletto Nord di Palazzo dei Pio

Tipo di evento: incontro

 

Seminare storie. Carpi e la cultura del cibo

Descrizione evento:

Dall’esperienza nata attraverso le interviste realizzate da Davide Bregola con il sistema delle Mappe di Comunità è nato il romanzo “Seminare Storie” che racchiude esperienze di vita, aneddoti, linguaggi, delle persone del territorio carpigiano. Ne è risultato un libro di testimonianze su cibo, coltivazioni, storia locale, il cui interesse verrà discusso con Franco La Cecla, uno dei più noti antropologi italiani.