Roberto Piumini

Roberto Piumini, dopo la laurea in Pedagogia, si è dedicato all’insegnamento coltivando anche la sua passione per il teatro che lo ha portato a recitare con alcune compagnie per tre anni e a fare esperienza anche come burattinaio. Si è poi dedicato alla scrittura a tempo pieno pubblicando moltissimi libri in cui ha esplorato tutta la gamma delle modalità espressive. Ha scritto circa trenta testi poetici (poesie, ballate, poemi narrativi, canzoni) su materiali di ricerca e memoria di gruppi di bambini, ragazzi e adulti in varie località italiane. Si è dedicato alla scrittura di testi per bambini (attualmente la bibliografia è vastissima) collaborando anche con diversi musicisti con i quali ha composto vere e proprie opere musicali. È stato fra gli autori e ideatori della trasmissione Rai L’albero Azzurro. Per adulti ha pubblicato nel 2011 la raccolta di racconti L’Amatore (Barbera) con cui è stato finalista al premio Settembrini.

 

Torna indietro

Eventi con la partecipazione dell'ospite

Data: 2 Ottobre, 2015

Città: Carpi

Luogo: Nuovo Cinema Teatro Italia

Tipo di evento: incontro

 

Mille e una storia

Descrizione evento:

In collaborazione con Equilibri.
Ha scritto in versi e in rima, romanzi e racconti, poesie e filastrocche, testi per il teatro e di mitologia. Scrive in mille modi Roberto Piumini, e ha scritto mille e una storie, per i bambini, per i ragazzi e anche per i grandi. Quale storia ci racconta oggi? è in versi? è in rima? Comincia con C’era una volta? E ci fa felici e contenti?

 

Data: 3 Ottobre, 2015

Città: Carpi

Luogo: Cortile del Palazzo della Pieve

Tipo di evento: incontro

 

Ciao, tu… l’amore prima dello smartphone

Descrizione evento:

In collaborazione con Equilibri
Possibile che l’amore esista da prima dello smartphone? E che ci si possa dichiarare anche senza WhatsApp? Scritto a quattro mani da Beatrice Masini e Roberto Piumini, “Ciao, tu” è il racconto epistolare di un amore nato tra i banchi di scuola, che, a diciassette anni dalla sua pubblicazione, è ancora capace di appassionare i giovani lettori. Perché? Perché l’amore, per fortuna, funziona anche senza una sim.

 

Data: 3 Ottobre, 2015

Città: Carpi

Luogo: Cortile del Palazzo della Pieve

Tipo di evento: incontro

 

Storie dell’orizzonte. Spettacolo di Racconti, Poesie, Canzoni

Descrizione evento:

C’è un ciuco di Francia, c’è un gatto che non è mai stanco di salutare gli altri animali, c’è la “buffa allegria” che pizzica le labbra e infrizza il naso… Ci sono tante storie di animali, sentimenti ed emozioni nei racconti e nelle poesie che saranno letti e recitati da Roberto Piumini e Patrizia Ercole, con musiche originali di Andrea Basevi.

 


Bruno Segre

Bruno Segre, nato a Lucerna nel 1930, ha studiato filosofia a Milano alla scuola di Antonio Banfi. Si è occupato di sociologia della cooperazione e di educazione degli adulti nell’ambito del Movimento Comunità fondato da Adriano Olivetti. Ha insegnato in Svizzera dal 1964 al 1969. Per oltre dieci anni ha fatto parte del Consiglio del Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea di Milano. Dal 1991 presiede l’Associazione italiana Amici di Nevé Shalonì/Wahat al-Salam. Nel quadro di un’intensa attività pubblicistica, ha dedicato contributi a vari aspetti e momenti della cultura e della storia degli ebrei. Nel 2015 per l’editore Imprimatur ha pubblicato un importante studio dedicato a Adriano Olivetti dal titolo Adriano Olivetti. Un umanesimo dei tempi moderni. Impegni, proposte e progetti per un mondo più umano, più civile, più giusto.

 

Torna indietro

Eventi con la partecipazione dell'ospite

Data: 3 Ottobre, 2015

Città: Carpi

Luogo: Cortiletto Nord di Palazzo dei Pio

Tipo di evento: incontro

 

Il coraggio di un sogno italiano: Adriano Olivetti

Descrizione evento:

La figura di Adriano Olivetti, protagonista della vita culturale italiana degli anni Cinquanta, è ormai diventata il simbolo di un’Italia creativa e al tempo stesso pragmatica. Bruno Segre, testimone diretto della personalità affascinante dell’industriale di Ivrea, ne scandisce i passaggi fondamentali, Riccardo Cecchetti, autore delle immagini di una graphic novel a lui dedicata, indica le modalità della trasposizione visiva del racconto di questa esperienza. Roberto Scarpa, scrittore e autore di teatro, ci dice quali eredità e quali caratteristiche di questa figura di imprenditore sono giunte fino a noi.

 


Disegnare una mappa. Come orientarsi nella buona letteratura per l’infanzia | Seconda edizione: Il bambino nell’albo illustrato - Metafore d’infanzia

Descrizione evento:

Nella migliore letteratura per l’infanzia capita di imbattersi in libri che hanno come protagonisti figure così potenti da essere capaci di imprimersi nell’Immaginario di generazioni di lettori. I nomi di Alice, Peter, Pippi, Oliver, Pinocchio, Mary, Jim, Dorothy, Huck… sono tra i più noti, ma non certo gli unici. Sono specchi duplici, queste figure, che riflettono la singolarità dell’essere bambino di ciascun lettore su uno scenario più ampio: l’indicibile essenza dell’infanzia.

Data: Ottobre 4, 2015

Comune: Carpi

Luogo: Piazza Garibaldi

Tipologia evento: incontro

a cura della Libreria Radice Labirinto 

Torna indietro

Ospiti presenti

Elisabetta Cremaschi

Elisabetta Cremaschi è nata a Mirandola e vive a Bologna, dove si è laureata in Scienze Politiche. Ha frequentato il Master di Alta Formazione dell’Accademia Drosselmeier – Centro studi di Letteratura per l’Infanzia di Bologna. Dal 1992 si occupa di narrazione e studio dell’Immaginario, dividendosi tra insegnamento, scrittura e attività giornalistica e dal 2005 è libera docente di Pedagogia delle Narrazioni. È da queste esperienze professionali che ha preso vita il blog Gavroche, luogo di incontro delle parole e figure dell’infanzia condivise con editori, scrittori, illustratori, insegnanti, bibliotecari, lettori, genitori, bambini e ragazzi incontrati nel corso degli anni.


San Francesco oggi

Descrizione evento:

Nel giorno del Patrono d’Italia un dialogo tra due teologi sulla figura di San Francesco il cui pensiero è sempre attuale e profondo. In particolare Vito Mancuso nella sua ultima opera “Questa vita. Conoscerla, nutrirla, proteggerla” (Garzanti, 2015) propone di recuperare una rinnovata armonia tra l’uomo e la natura in nome dell’amore. Una visione di speranza in cui i riferimenti francescani sono sempre presenti nella sua riflessione sulla realtà contemporanea.

Data: Ottobre 4, 2015

Comune: Carpi

Luogo: Tenda di Piazza Re Astolfo

Tipologia evento: incontro con gli autori

 

Torna indietro

Ospiti presenti

Vito Mancuso

Vito Mancuso è un teologo italiano, docente di Storia delle Dottrine teologiche presso l’Università degli Studi di Padova. I suoi scritti hanno suscitato notevole attenzione da parte del pubblico, in particolare L’anima e il suo destino (Raffaello Cortina, 2007), Io e Dio. Una guida dei perplessi (Garzanti, 2011), Il principio passione. La forza che ci spinge ad amare (Garzanti, 2013), tre bestseller da oltre centomila copie con traduzioni in molte lingue e una poderosa rassegna stampa, radiofonica e televisiva. Il suo pensiero è oggetto di discussioni e polemiche per le posizioni non sempre allineate con le gerarchie ecclesiastiche, sia sul piano etico che dal punto di vista strettamente dogmatico. Dal 2009 è editorialista del quotidiano La Repubblica. Il suo ultimo libro è Questa Vita. Conoscerla, nutrirla, proteggerla (Garzanti, 2015).

Brunetto Salvarani

Brunetto Salvarani è docente di Teologia della Missione e del Dialogo presso la Facoltà Teologica dell’Emilia Romagna. Studioso di teologia narrativa ha scritto numerosi contributi sul tema della non violenza ed è considerato uno dei maggiori esperti di dialogo interreligioso. Dirige il movimento e la rivista CEM Mondialità e la rivista QOL di cui è fondatore. Dirige inoltre la collana della EMI Parole delle fedi. Fra le sue ultime pubblicazioni di argomento religioso ricordiamo: Il fattore R. Le religioni alla prova della globalizzazione (EMI, 2012), Non possiamo non dirci ecumenici. Dalla frattura con Israele al futuro comune delle chiese cristiane (Gabrielli, 2014).


Antonella Vincenzi

Antonella Vincenzi è responsabile editoriale della casa editrice Franco Cosimo Panini di Modena. La casa editrice inizia a pubblicare libri per bambini nel 1991, prima con il marchio Franco Panini Ragazzi, poi come Franco Cosimo Panini Editore – il cui logo viene artisticamente reinterpretato dagli autori delle diverse linee editoriali. Il catalogo, specializzato nella fascia d’età 0-8 anni, propone libri che suscitano nel bambino il desiderio di giocare e scoprire il mondo, facendo della lettura un’esperienza di condivisione quotidiana fin dai primi mesi di vita.

 

Torna indietro

Eventi con la partecipazione dell'ospite

Data: 4 Ottobre, 2015

Città: Carpi

Luogo: Sala Estense di Palazzo dei Pio

Tipo di evento: incontro

 

Arriva la Pimpa!

Descrizione evento:

Inaugurazione della mostra per festeggiare i quarant’anni della Pimpa di Altan, con Antonella Vincenzi.
Se un giorno per strada incontrate una cagnolina a pallini rossi, con le orecchie lunghe e la lingua fuori non c’è dubbio: quella è la Pimpa. Allegra, socievole, sempre in movimento, Pimpa è un cane speciale perché sa parlare con tutte le creature e con tutte le cose. Una mostra interattiva per celebrare i quarant’anni della Pimpa è dunque l’occasione per riproporre il mondo della cagnolina a pois, attraverso uno sguardo che si muove dal passato e cerca di comprendere gli elementi che rendono Pimpa un personaggio sempre fresco e attraente per i giovani lettori.

 


Riccardo Cecchetti

Riccardo Cecchetti è un illustratore e fumettista. Ha collaborato con le riviste Frigidaire, Il Caffè Illustrato, Selen e con i quotidiani Il Messaggero e Il Manifesto. Insieme a Marco Peroni ha pubblicato per l’editore BeccoGiallo due graphic novel: nel 2010 Gigi Meroni. Il Ribelle Granata e nel 2011 Adriano Olivetti, un secolo troppo presto.

 

Torna indietro

Eventi con la partecipazione dell'ospite

Data: 3 Ottobre, 2015

Città: Carpi

Luogo: Cortiletto Nord di Palazzo dei Pio

Tipo di evento: incontro

 

Il coraggio di un sogno italiano: Adriano Olivetti

Descrizione evento:

La figura di Adriano Olivetti, protagonista della vita culturale italiana degli anni Cinquanta, è ormai diventata il simbolo di un’Italia creativa e al tempo stesso pragmatica. Bruno Segre, testimone diretto della personalità affascinante dell’industriale di Ivrea, ne scandisce i passaggi fondamentali, Riccardo Cecchetti, autore delle immagini di una graphic novel a lui dedicata, indica le modalità della trasposizione visiva del racconto di questa esperienza. Roberto Scarpa, scrittore e autore di teatro, ci dice quali eredità e quali caratteristiche di questa figura di imprenditore sono giunte fino a noi.

 


La botte dei sensi. Il racconto del riso

Descrizione evento:

Il racconto del riso parte dal Rinascimento, da quando il duca di Milano portò in questo triangolo di terra tra Mantova, Rolo e Carpi quello che ancora oggi è il “riso originario”. Il racconto del riso è anche un racconto di donne, giovani e meno giovani, che partivano da queste terre per andare a fare le mondine in Piemonte. È un racconto di ricette, di una comunità e di… bellezza: perché le performance di Koinè guidano lo spettatore a scoprire, attivamente e teatralmente, le proprietà “estetiche” del riso.
Replica: 04/10/2015

Data: Ottobre 3, 2015

Comune: Carpi

Luogo: Cortile d'Onore di Palazzo dei Pio

Tipologia evento: Carpi x EXPO

 

Torna indietro

Ospiti presenti

Koinè

Koiné, compagnia teatrale coordinata da Silvio Panini, realizza spettacoli e progetti teatrali che si caratterizzano per il rapporto con i luoghi prescelti per le rappresentazioni. L’azione di Koiné trasforma, amplifica e moltiplica le destinazioni d’uso dei luoghi, nel rispetto delle loro caratteristiche e nell’incontro con chi li abita e frequenta abitualmente. Agendo al di fuori degli spazi teatrali, l’attività di Koiné ha il maggiore sviluppo su tematiche di carattere agricolo, ambientale ed enogastronomico.


Quante storie, Beatrice. Nel laboratorio segreto del racconto

Descrizione evento:

In collaborazione con Equilibri.
Quante storie ha raccontato Beatrice Masini? Tante, ma così tante che quasi non si può raccontare: però si può chiedere a Beatrice di raccontarne qualcuna… Non ci resta che scegliere: da “Il viaggio della regina” a “Mia sorella è un quadrifoglio”, da “La cena del cuore. Tredici parole per Emily Dickinson”, a “Fango su e fango giù”, fino alla serie “Belle astute e coraggiose”… Basta chiedere e Beatrice racconta e noi, con lei, entriamo nel laboratorio segreto dei racconti.

Data: Ottobre 2, 2015

Comune: Carpi

Luogo: Cortile del Palazzo della Pieve

Tipologia evento: incontro con l’autrice

conduce Eros Miari, Equilibri 

Torna indietro

Ospiti presenti

Beatrice Masini

Beatrice Masini è editor, autrice di opere per l’infanzia e traduttrice. Il suo romanzo Bambini nel bosco (Fanucci) è stato selezionato al premio Strega, mentre con Tentativi di botanica degli affetti (Bompiani) ha vinto il premio Selezione Campiello, il premio Alessandro Manzoni e il premio Viadana. La sua ultima raccolta di racconti è Più grande la paura (Marsilio).


L’ipocrisia dell’Occidente. Il Califfo, il terrore e la storia

Descrizione evento:

Sono passati più di 1300 anni dalla nascita del primo califfato, sorto nel 632 alla morte del Profeta. Al califfo – guida dell’umma, la comunità musulmana – spettavano poteri esecutivi e giudiziari. E altri cento anni sono trascorsi dalla caduta dell’ultimo khalîfa, avvenuta alla fine della prima guerra mondiale. Eppure di nuovo oggi si torna a parlare di questa entità, assurta agli onori della cronaca mondiale grazie a Abu Bakr al-Baghdadi, il califfo nero dello Stato islamico, leader di migliaia di jihadisti che stanno mettendo a ferro e fuoco l’Iraq e la Siria. Ma qual è lo scopo di questo nuovo califfato? E quali sono i confini geografici della sua azione? Si tratta in effetti del proseguimento in modi e con protagonisti diversi della fitna, la guerra civile tra sunniti e sciiti? O dietro una guerra confessionale si muovono interessi economici e geopolitici, finanziati dagli emiri del Golfo e appoggiati ‘inconsapevolmente’ dall’Occidente che pure pare essere vittima e obiettivo della violenza jihadista? In “L’ipocrisia dell’Occidente” (Laterza, 2015), Franco Cardini, con gli strumenti dello storico, traccia i flussi di questa ‘terza ondata dell’attacco musulmano’ all’Occidente, fornendone una personale chiave interpretativa.

Data: Ottobre 4, 2015

Comune: Carpi

Luogo: Tenda di Piazza Re Astolfo

Tipologia evento: incontro con l’autore

conduce Florio Magnanini 

Torna indietro

Ospiti presenti

Franco Cardini

Franco Cardini è uno storico del Medioevo e il suo campo di studi principale è quello della storia delle Crociate cui ha dedicato saggi fondamentali. La sua bibliografia è molto ampia e contrassegnata da opere fondamentali per la ricerca storica. Si è occupato negli ultimi anni del rapporto conflittuale tra occidente e oriente nei saggi: Incontri (e scontri) mediterranei. Il Mediterraneo come spazio di contatto tra culture e religioni diverse (Salerno, 2014) e L’ipocrisia dell’Occidente. Il Califfo, il terrore e la storia (Laterza, 2015).