Walter Veltroni

Walter Veltroni per una lunga stagione della sua vita si è occupato soprattutto di politica come segretario del Partito Democratico, sindaco di Roma e parlamentare. Poi nel 2009 si è dimesso dall’incarico di segretario del PD e si è dedicato alla scrittura di opere letterarie, al giornalismo e al cinema. Ha pubblicato numerosi romanzi, tra i quali citiamo i più recenti: L’inizio del buio (Rizzoli, 2011) e L’isola e le rose (Rizzoli, 2012). Come regista ha realizzato i documentari Quando c’era Berlinguer (2014) e I bambini sanno (2015). Testimonianza del suo amore per il cinema è il saggio La quarta buona ragione per vivere. 101 film che fanno bene all’anima (BUR, 2014).

 

Torna indietro

Eventi con la partecipazione dell'ospite

Data: 4 Ottobre, 2015

Città: Carpi

Luogo: Tenda di Piazza Re Astolfo

Tipo di evento: incontro

 

Buone ragioni per vivere

Descrizione evento:

I sogni di una generazione, le ambizioni personali, l’impegno politico, l’arte, la potenza della narrazione, la solidarietà, l’impegno civile. Walter Veltroni, protagonista della scena politica italiana negli anni Novanta e duemila, dal 2010 si è dedicato alla letteratura e al cinema, scrivendo romanzi e realizzando documentari di successo. Alla Festa del Racconto parla della sua esperienza personale in cui l’uomo pubblico si confronta e si fonde con l’artista.

 

Data: 4 Ottobre, 2015

Città: Carpi

Luogo: Auditorium Loria

Tipo di evento: incontro

 

I bambini sanno

Descrizione evento:

Film documentario di Walter Veltroni
“I grandi non capiscono mai niente da soli e i bambini si stufano di spiegargli tutto ogni volta”. Saint Exupéry sapeva la verità sulla vita e conosceva le vie, segrete e tenui, per parlare al cuore, alla fantasia e al cervello dei bambini. Negli anni Sessanta, camminando per le strade del nostro paese, si poteva trovare un bambino, da zero ai quattordici anni, ogni quattro abitanti. Oggi ce n’è uno ogni otto, la metà. Un paese in cui spariscono i bambini è un paese senza fiducia, senza voglia di futuro. Questo film racconta come i nostri bambini , tra gli otto e i tredici anni, osservano e giudicano l’Italia, la loro vita, i grandi, il futuro.