Massimo Cotto

Massimo Cotto, giornalista, scrittore, conduttore radiofonico e autore televisivo, ha lavorato a lungo nei quotidiani e collaborato con le principali riviste italiane e internazionali. Ha diretto per due anni (2004-2006) Rockstar, lanciato Trax ed è stato direttore editoriale di Groove, Punk e Rocksound. Ha scritto, curato o tradotto oltre 30 libri di argomento musicale (tra cui le biografie di Patty Pravo, Ruggeri, Guccini, Pelù, Nomadi, Irene Grandi, Ivano Fossati), due romanzi e un libro di racconti. Per vent’anni ha lavorato in Rai come conduttore di programmi radiofonici e televisivi. Per quattro anni è stato responsabile artistico di Radiouno. Nel 2003 ha condotto Rondò su Radio 24. Dal 2007 al 2010 ha lavorato a Radio Capital. Nel 2010 è stato autore e selezionatore sia per il festival di Sanremo che per il festival di Castrocaro. Attualmente lavora per Max ed è direttore artistico del Premio De Andrè, di Astimusica e de La canzone del sole, Premio Silvi città di Mogol. Il suo ultimo libro Il grande libro del rock (e non solo), edito da Rizzoli (2011), ha vinto il premio Costieramalfitana e il premio Lunezia come libro dell’anno.

 

Torna indietro

Eventi con la partecipazione dell'ospite

Data: 2 Ottobre, 2011

Città: Carpi

Luogo: Cinema Teatro Lux

Tipo di evento: incontro

 

Chelsea Hotel

Descrizione evento:

Sono passati tutti da lì. Ci hanno vissuto a lungo, come fosse un rifugio e non solo un hotel sulla 23esima strada, a New York. E poi hanno ricordato il loro passaggio in mille libri, film e canzoni. Al Chelsea Hotel Bob Dylan ha scritto Sad Eyed Lady Of The Lowlands e Sara, Leonard Cohen e Janis Joplin hanno consumato una breve storia di sesso e amore poi raccontata in Chelsea Hotel #2. Qui Jack Kerouac ha scritto in tre soli giorni, imbottito di Dexedrina, su rotoli di carta igienica, la prima stesura di Sulla strada. Al Chelsea hanno vissuto Patti Smith, Mapplethorpe, Iggy Pop, Bukowski, Burroughs, Arthur Miller, Tennessee Williams, Kubrick, Jane Fonda, Dennis Hopper, Hendrix, i Grateful Dead, Edith Piaf, Dee Dee Ramones. A metà tra reading e concerto: un viaggio per ricordare quello che siamo e quello che abbiamo perduto.