Lorenzo Pavolini

Il debutto letterario di Lorenzo Pavolini è del 1997, anno in cui pubblica Senza rivoluzione (Giunti, 1997) romanzo col quale si aggiudica il Premio Grinzane Cavour per la sezione Esordienti. Nel 2005 è la volta del romanzo breve Essere pronto (Pequod, 2005). Nel 2006 cura il volume Le interviste impossibili. Ottantadue incontri d’autore messi in onda da Radio Rai (1974 – 1975). Ma è nel 2010, con il romanzo Accanto alla tigre (Fandango), un libro al confine tra romanzo autobiografico e ricerca storica, che si aggiudica il Premio Letterario Mondello e viene inserito nella rosa dei finalisti del Premio Strega. Nel libro è narrato il confronto tra l’autore e la problematica figura del nonno, fascista e fondatore delle Brigate Nere. E’ anche caporedattore della rivista Nuovi argomenti.

 

Torna indietro

Eventi con la partecipazione dell'ospite

Data: 2 Ottobre, 2010

Città: Carpi

Luogo: Cortile del Palazzo della Pieve

Tipo di evento: incontro

 

Poltrona_memoria | Incontro con Lorenzo Pavolini e Helena Janeczek

Descrizione evento:

La memoria degli anni del fascismo e della seconda guerra mondiale è ancora di bruciante attualità anche per questi due scrittori che si misurano nei loro recenti romanzi sul modo di riportare alla luce frammenti di storia costruendo un tessuto narrativo in cui l’autobiografia si mescola con la passione della ricerca storica. Lorenzo Pavolini nel romanzo “Accanto alla tigre” (Fandango 2010) si interroga sull’identità e il destino del nonno Alessandro Pavolini, fascista irriducibile giustiziato a Piazzale Loreto insieme a Mussolini, mentre Helena Janeczek in “Le rondini di Montecassino” (Guanda 2010) attraverso le storie di vita di alcuni soldati confluiti nelle armate alleate che affrontarono i nazisti a Monecassino racconta, in modo del tutto nuovo e originale, una pagina di storia per molti versi emblematica delle atrocità del conflitto mondiale.