Franco Cardini

Franco Cardini è uno storico del Medioevo e il suo campo di studi principale è quello della storia delle Crociate cui ha dedicato saggi fondamentali. La sua bibliografia è molto ampia e contrassegnata da opere fondamentali per la ricerca storica. Si è occupato negli ultimi anni del rapporto conflittuale tra occidente e oriente nei saggi: Incontri (e scontri) mediterranei. Il Mediterraneo come spazio di contatto tra culture e religioni diverse (Salerno, 2014) e L’ipocrisia dell’Occidente. Il Califfo, il terrore e la storia (Laterza, 2015).

 

Torna indietro

Eventi con la partecipazione dell'ospite

Data: 4 Ottobre, 2015

Città: Carpi

Luogo: Tenda di Piazza Re Astolfo

Tipo di evento: incontro

 

L’ipocrisia dell’Occidente. Il Califfo, il terrore e la storia

Descrizione evento:

Sono passati più di 1300 anni dalla nascita del primo califfato, sorto nel 632 alla morte del Profeta. Al califfo – guida dell’umma, la comunità musulmana – spettavano poteri esecutivi e giudiziari. E altri cento anni sono trascorsi dalla caduta dell’ultimo khalîfa, avvenuta alla fine della prima guerra mondiale. Eppure di nuovo oggi si torna a parlare di questa entità, assurta agli onori della cronaca mondiale grazie a Abu Bakr al-Baghdadi, il califfo nero dello Stato islamico, leader di migliaia di jihadisti che stanno mettendo a ferro e fuoco l’Iraq e la Siria. Ma qual è lo scopo di questo nuovo califfato? E quali sono i confini geografici della sua azione? Si tratta in effetti del proseguimento in modi e con protagonisti diversi della fitna, la guerra civile tra sunniti e sciiti? O dietro una guerra confessionale si muovono interessi economici e geopolitici, finanziati dagli emiri del Golfo e appoggiati ‘inconsapevolmente’ dall’Occidente che pure pare essere vittima e obiettivo della violenza jihadista? In “L’ipocrisia dell’Occidente” (Laterza, 2015), Franco Cardini, con gli strumenti dello storico, traccia i flussi di questa ‘terza ondata dell’attacco musulmano’ all’Occidente, fornendone una personale chiave interpretativa.