Elvira Mujcic

Elvira Mujcic è nata a Loznica, una città al confine tra la Serbia e la Bosnia, ma ha vissuto a Srebrenica fino al 1992, quando a causa della guerra è stata costretta a fuggire. È poi riparata in Croazia, in un campo profughi, finché, nell’agosto del 1993, è arrivata in Italia grazie ad un progetto umanitario. Per cinque anni ha vissuto in un paese in provincia di Brescia, dove ha frequentato il liceo linguistico e poi si è laureata in lingue e letterature straniere presso l’Università Cattolica di Milano. Vive a Roma. Ha scritto due libri Al di là del caos. Cosa rimane dopo Srebenica (Infinito, 2007) e E se Fuad avesse avuto la dinamite? (Infinito, 2009).

 

Torna indietro

Eventi con la partecipazione dell'ospite

Data: 3 Ottobre, 2010

Città: Carpi

Luogo: Piazza dei Martiri

Tipo di evento: incontro

 

Poltrona_multietnica | Letteratura dai Balcani

Descrizione evento:

Un percorso che parte con tre scrittori balcanici, prosegue con un reading e un personaggio sui generis e si conclude con la musica. La Festa del racconto 2010 viaggia nelle terre dei Balcani per capire oggi ciò che è stato e ciò che sarà.
Incontro con gli autori
Un interessante confronto tra scrittori sulla rotta dei Balcani: un serbo che narra vicende di migrazione e di paesaggi lontani sempre pronti a ricomparire come luoghi dell’anima; una bosniaca in bilico tra tradizione e innovazione nel confronto ostinatamente conflittuale tra Occidente e Medioriente in un dopoguerra senza fine; una rumena che nei suoi romanzi narra il viaggio e la ferita che i regimi totalitari infliggono come un’ombra malata in chi ne ha subito le conseguenze. La letteratura dei Balcani, qui in Italia, è forte di un passato che ne potenzia originalità e visionarietà. Lontano dalle notizie usa e getta dei media c’è la letteratura, ci sono i libri, che ci fanno capire e ci invitano a riflettere attivamente.